giovedì 14 maggio 2009

Trattoria "Da Raimondo" a Rocca Priora (Rm).

Domenica 15 Febbraio 2009, incuranti del freddo intenso, ma rassicurati dalla bella giornata di sole, ci siamo spinti fino a Rocca Priora, in località Buero, per pranzare alla Trattoria "Da Raimondo".
L'occasione è stata il compleanno di Nonno Raffaele che ha spento le sue prime 88 candeline...
Il locale è proprio come deve essere la tipica Trattoria castellana.
Tovaglie di carta, arredamento sobrio e disordinato, sulle pareti bottiglie consumate e quadri di natura morta.
Poi anche panorami notturni dei castelli limitrofi e della natura che, per fortuna, ancora circonda i nostri paesi.

C'è una sala piu' grande e una saletta piu' piccola, d'estate quando di giorno si boccheggia per il gran caldo, vengono messi un po' di tavoli all'aperto ed è un momento di vero godimento mangiare là fuori, al fresco roccapriorese...

Come capirete non è la prima volta che ci vado a sganassare, perchè il posto è uno dei preferiti dei miei suoceri quando non hanno voglia di cucinare oppure quando c'è qualche ricorrenza soft, come puo' essere un compleanno in famiglia.
Io ci mangio sempre volentieri...certo non è il massimo della vita, ma le pietanze son buone, semplici e genuine.
Il servizio è sempre attento, cortese e, fra una battuta e l'altra, diciamo alla mano. Come deve essere in Trattoria.

In quell'occasione a tavola eravamo sette, Sofia compresa, e vado sommariamente a descrivervi le pietanze che io e Simo abbiamo mangiato.
Qui sotto vedete il mio primo piatto.
Le tipiche fettuccine ai funghi porcini: la pasta non è fatta a mano, ma la consistenza del piatto, il folto condimento e la giusta quantità, fanno si che sia sempre la mia prima scelta.


Il primo di Simo è invece questo qui sotto.
Sono dei tenerissimi fagottini ripieni di funghi porcini conditi con gli stessi porcini e salsa tartufata.
Il piatto in se è delicato ed al contempo saporito il giusto.


Tutti abbiamo preso il contorno, questo qui sotto è il carciofo di Nonna.
Molto buoni sono stati anche le patate, l'insalata e le puntarelle, prese dal sottoscritto che però erano una tanticchia poco condite...


La scelta dei secondi non è mai facile.
In un angolo della sala principale c'è un caminetto medio grande in cui vengono sbraciate le tipiche pietanze: salsicce, abbacchio, bistecche, lombate e chi piu' ne ha, piu' ne metta.
Indovinate io cosa ho scelto ?
Questo qui sotto è il mio secondo: abbacchio a scottadito.
Tenero, cotto bene e condito meglio, forse la quantità un pochettino sotto la media, ma va bene così.
Caldo com'era l'ho divorato in pochi minuti...


Simo ha invece optato per la bistecca alla brace, che vista così(sotto), non rende l'idea.
Era quasi una fiorentina: bella grossa e succosa.


Talmente grande che Simo ha avuto bisogno di un aiuto speciale per finirla...


Non satolli abbiamo anche preso il dolce.
Purtroppo avendo terminato quasi per ultimi, non c'era piu' nulla di secco, leggi ciambelline e serpette al vino.
Ci siamo dovuti "accontentare" di una crema catalana, per niente male.



Insomma, se si parte dal presupposto che non sempre si puo' andare a mangiare in posti famosi e pluristellati, questo è un indirizzo da tenere stretto nel taccuino.
Per un pranzetto veloce, per una gita ai castelli o semplicemente per evitare di cucinare e sporcare la cucina.
Tenete conto che il costo a testa è stato sui 30 euro, ma quest'ultimi comprendono anche acqua, vino della casa ed un caffè, praticamente, se si toglie l'antipasto, possiamo dire un buon menu completo ad una cifra onestissima.
Dunque mi sembra di poter dire un buon rapporto qualità\prezzo.

Trattoria da Raimondo
Rocca Priora (RM)
Via dei salici 4
Località Buero
Telefono 069406190
Chiuso il martedi.


Marco.

2 commenti:

  1. emanuela (jesi)15 maggio 2009 11:50

    Io mi sa che ci sono stata a mangiare la pizza un paio di estati fa! Buona.

    Sofia è uno spettacolo e segue degnamente le orme dello Zio Marco!!

    Ciao ciao
    Manu

    RispondiElimina
  2. Se proprio deve seguire le orme di un Marco...non penso che siano quelle dello zio, vero Babbo Marco ?

    Zap.

    RispondiElimina