mercoledì 30 luglio 2008

Ingrid Betancourt...



Oggi inauguriamo una nuova rubrica.
Mi capita spesso di sentire o leggere qualche argomento di rilievo o meno sul quale mi vengono spesso delle opinioni che vorrei esprimere. Non sempre, anzi quasi mai, sono argomenti enogastronomici ma in genere di attualità.
Allora ho pensato di usare il nostro blog per dire la mia.
"Ora vengo e mi spiego" è un tipico incipit di Montalbano, che voi che ci seguite sapete che è nostri cuori, utilizzato per spiegare qualcosa di un argomento o di una pensata poco chiara del commissario di Vigata. Quale migliore "etichetta" per questa nuova rubrica?



Da quotidiano.net:
"Quando la Francia ha perso i Mondiali del 2006 ho pianto", racconta la Betancourt che poi rivela un particolare curioso: "La Coppa del Mondo ha creato qualche problema nell'accampamento". Il riferimento è agli stessi guerriglieri delle Farc, divisi in "pro-Ingrid e quindi pro-Francia" e in "tifosi dell'Italia". Piatto forte di quella finale fu l'ormai famosa testata di Zidane a Materazzi: "L'ho adorata - rivela la Betancourt -, credo che mi sarei comportata nello stesso modo.
Mi sono arrabbiata con chi lo ha criticato".


Cara Ingrid, premesso che mi dispiace moltissimo che tu sia stata rapita e che abbia passato così tanto tempo lontano da affetti e impegni. Penso che chi ti ha fatto una cosa del genere debba essere appeso per le palle per almeno sei mesi e poi messo in una cella e butatta la chiave. Spesso durante il mio servizio civile mi sono trovato a pensare che in fondo lo stato mi rubava 10 mesi della mia vita senza neanche un valido perchè, se non che fossi un cittadino maschio. Almeno li ho spesi facendo del bene a qualcuno. Figuriamoci passare anni della propria vita in questo modo, anni che non torneranno più, per motivi biechi e abietti.
Però cara Ingrid che ti è successo? Sei diventata il simbolo della resistenza una sorte avversa. Il simbolo della ricerca della pace e del pensarci due volte prima di fare o dire cattiverie. Tutto il mondo si è affezionato a te e ha seguito le tue vicende, fino alla gioia per la liberazione. E dopo tutto questo che accade?
Tiri fuori un pensiero estemporaneo, non solo di cattivo gusto, ma senza senso. Potrei sembrare in conflitto di interessi perchè italiano, ma la realtà è che la vaccata l'hai fatta tu, Ingrid.

Hai "adorato" un gesto violento? Tu? Proprio tu? Ti sei arrabbiata contro chi ha criticato Zidane? Tu? Proprio tu? Tu che sei stata un'immagine della non violenza, della lotta alle ingiustizie? Che tristezza Ingrid: hai covato questo pensiero per anni, e hai sputato il rospo appena possibile. Senza pensare a perchè e percome. Vergogna!

Un'ultima cosa: su un giornale ho letto di uno amareggiato come me che ha detto "era meglio che restasse rapita". Pensavo fosse difficile dire una stupidaggine più grossa della tua, ma lui c'è riuscito. Questo non cambia la sostanza delle cose, però. Vergogna!




Stefano.

3 commenti:

  1. emanuela (Jesi)30 luglio 2008 08:38

    Concordo e virtualmente firmo anche io l'articolo!

    RispondiElimina
  2. bhè

    mi piacete sempre di più

    e si Ingrid ha decisamente peccato di cattivo gusto.. (e cerco di esser educata), cosa che invece non fate voi, che con educazione, forse un caustica, ma di certo simpatica fate notare queste chicche!
    Io manco lo sapevo o di certo mi sarei offesa come credo di capire pure voi: grazie Stefano per avermelo fatto notare...

    RispondiElimina
  3. Prego, non c'è di che! Grazie anche a Manu co-firmatrice del post!

    Stefano

    RispondiElimina