sabato 15 marzo 2008

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban.



Harry Potter e il prigioniero di Azkaban è il terzo libro della saga di Harry Potter.
Rispetto al secondo siamo a 60 pagine in più. Cresce Harry, crescono i lettori.

La storia.
Harry torna a scuola per il terzo anno, ma prima dell’inizio delle lezioni accadono già molte cose. Harry è sotto protezione dal Ministero della Magia perché Sirius Black, un pericoloso criminale, è fuggito dalla prigione dei maghi: Azkaban.
A scuola ci sono tante novità: Hagrid è diventato un insegnante, ci sono una gran quantità di materie in più da seguire e, ovviamente, c’è un nuovo insegnante di Difesa contro le Arti Oscure, il prof. Remus Lupin, grande amico del padre di Harry. Ci sono però anche i Dissennatori, creature che mangiano l’anima e i bei ricordi delle persone che, essendo i custodi di Azkaban, sono stati mandati dal Ministero a proteggere Harry al Castello di Hogwarts. Ma i Dissennatori proteggeranno davvero Harry? Perché sembrano avere una influenza distruttiva maggiore su di lui rispetto a quella che hanno su tutti gli altri? E Sirius Black chi è in realtà?

Secondo me questo è il libro del cambiamento. Da questo libro è nata la mia dipendenza da Harry. Se un lettore iniziasse la saga da questo punto si appassionerebbe immediatamente e andrebbe a leggere i primi due per sapere cosa è accaduto prima, senza troppo badare allo stile e all’intreccio semplice delle due storie. Nel Prigioniero di Azkaban niente è come appare. Tutti personaggi nuovi hanno un lato della personalità apparente (cioè quello per il quale sono conosciuti) e un lato privato che è quello vero (ma siamo sicuri di questo?). Harry inizia a scoprire tantissime cose del passato dei suoi genitori e intravedere qualcosa del suo futuro. Harry cresce e l’intreccio si complica sfiorando i contorni del giallo. Il pubblico dichiarato è quello dei ragazzini di 13 anni, ma credo che si possa affermare che molti adulti hanno iniziato a seguire la saga con Sirius Black.
Anche la psicologia dei personaggi è più profonda tanto da diventare a tratti commovente. Il coinvolgimento del lettore diventa totale e non si può fare a meno di correre a comperare il quarto capitolo.

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, Salani Editore, prezzo 16,50 Euro


Emanuela.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento