venerdì 15 giugno 2007

L'Oste della Bon'Ora...

Venerdì 8 giugno è stato un giorno che ricordo per due motivi.
Il primo è che per tutta la polizia che c'era in giro mi sembrava di essere in libertà vigilata.
Il secondo è perché per tutto il giorno, anzi dalla sera del giorno prima, con mia moglie stavamo cercando un locale dove mangiare qualcosa di buono per la serata.
Abbiamo scelto di visitare un locale simpatico, "frizzante" e molto giovanile quale può' definirsi L'Oste della Bon'Ora.
Il locale si trova a Grottaferrata in viale Vittorio Veneto 133, praticamente passata la rotonda di Squarciarelli in direzione Marino, l'entrata è a destra dopo ottocento metri.
L'ambente è piccolo, ma ben messo.
All'entrata un piatto della Techincs (oh, mio dio quanti ricordi...!) , fa girare un disco che allieterà con un buon sottofondo la serata; accanto ad esso Marco il cameriere e Massimo il "Padrone di casa" ci vengono incontro e ci fanno accomodare nella saletta.



Ci viene offerto un ghiotto entrèe fatto di piccoli grissini speziati e pezzetti di "coppietta".
Sarò scontato, ma mi ha fatto piacere ed è stato molto buono.

La scelta sul menù è molto ardua.
Non perché sia sproporzionatamente grande , ma perché ogni piatto mi ispira fiducia.
Saltiamo gli antipasti, ma ce ne sono da leccarsi i baffi...
Io scelgo la matriciana in cornucopia (più' volte nel tempo consigliata da Stefano) con Trippa alla romana di secondo.
Simo invece opta per un menù di pesce, nel senso che prende degli gnocchetti di zucca con vongole e gorgonzola, per secondo una coda di rospo in crosta di patate.
Come contorno scegliamo di "scrofarci" una patata "Vera".
Comincio da quello che ho mangiato io: la matriciana potrei definirla buona o ottima,ma non renderei l'idea.E' unica, fidatevi. Per come si presenta, per la pasta che si usa (non penso di sbagliarmi se dico che è fatta in casa), per il sapore che ti lascia in bocca...Ripeto: unica.
Alla trippa alla romana farei un complimento che solo chi la conosce bene può' apprezzare: era la trippa che mi faceva nonna.Aggiungo solo che ho concluso facendo "la scarpetta" al piatto...e che lo stesso sembrava appena uscito dalla lavastoviglie.
Tutt'altro discorso merita il menù di Simo.
Il primo è stato buonissimo, spettacolare. Per lei, che non riusciva a descriverlo bene a parole, parlavano gli occhi.Un sapore delicato, ma davvero sorprendente.
Sulla coda di rospo non basterebbe un vocabolario...dovete andarci e mangiarla.
Molto buona, anzi ottima, anzi di più'.
Le patate, mangiate già a "panza piena", ci son sembrate comunque buone, come buono è stato il consiglio del padrone di casa che mi aveva consigliato un rosso, diciamo della casa, da tredici gradi e mezzo, dal forte taglio bordolese.
Simo completerà il suo "luculiano" pasto con il dolce crema alla vaniglia non all'altezza.



Un altro aspetto bello del locale è la disponibilità, che non diventa mai invadenza, del proprietario di scambiare due parole, di farti capire il piatto che stai mangiando. Senza fretta e con tono rilassante
Quando ha un attimo si siede con te e butta giù' due parole facendoti sentire a cena da amici. E se lo ha fatto con noi che era la prima volta che visitavamo il locale, devo supporre che lo faccia con tutti.
Per concludere direi che il conto di 70 euro totali, passa decisamente in secondo piano.
Secondo me, visto anche le "sole" che girano, quando vai in un locale e mangi bene, ti rilassi, ti senti a casa ed esci pensando già a quando ci potrai tornare...ti devi ritenere giustamente super soddisfatto.

Lo consiglio a tutti...Melmi e non !



Marco.

3 commenti:

  1. bhe' io ci ho mangiato bene...sono un po' lenti...ma e' anche vero che io non sono una amente dello slowfood...forse mi potrei definire una cultrice del surgfood...li non mi batte nessuno.
    adesso la recensione ve l'ho fatta...la home ce l'avete...mi sembra che ho fatto tutto!
    un bacio a Roberta e a Simona,
    chi sono?...
    [img]http://www.smilies-smilies.de/smilies/freundschaft_smilies/liebe4.gif[/img]

    RispondiElimina
  2. Io lo so chi sei...

    RispondiElimina
  3. Simona ha questo bel blog e tu non dici nulla ?
    Fischi per Stefano!!!!
    ...e sbrigati a linkarlo !

    RispondiElimina