giovedì 9 ottobre 2008

No...il Lagrein non c'è piaciuto !




Testuale da Wikipedia:
"Il Lagrein è un vitigno autoctono dell'Alto Adige particolarmente coltivato nelle zone di Ora, Egna e Termeno. Il terreno prediletto dal vitigno è di tipo calcareo-argilloso con un sottosuolo ghiaioso; il grappolo ha una dimensione media con forma tendente al piramidale. Il Lagrein è molto sensibile all'attacco degli acari ed a volte può essere infettato da peronospora ed oidio."

Cito Wikipedia perché prima di comprare le due bottiglie di Lagrein che abbiamo provato, durante la nostra vacanza in Alta Badia, avevo letto queste info e mi ero deciso a provarlo.

Le due bottiglie che abbiamo comprato erano una della cantina Tramin e l'altra della cantina Terlano.
Entrambe le bottiglie erano decisamente economiche: la Tramin al di sotto degli otto euro e l'altra non superava i dieci.
Questa potrebbe essere una scusante, ma d'altronde per cominciare a conoscere un vitigno, non è che si può' partire subito a 200 all'ora con bottiglie costose o, nel caso ce ne siano, con riserve del '47 !
Dunque arrivo al punto senza fronzoli: nel complesso non ci è piaciuto.
L'abbiamo sturate nella stessa sera e le abbiamo confrontate.
Personalmente mi è piaciuto, all'inizio, un po' di più' il Tramin, dopo un po' l'altro.
Anche per Emanuela, Marco, Zio Peppino ed il resto della combriccola non è stata un'esperienza esaltante.
Qualcuno aveva preferenze inverse rispetto alle mie, ma nel complesso questo primo assaggio di Lagrein non ci ha emozionato.
E non c'è piaciuto.
Può' darsi che fossimo fuori forma...
Può' darsi che l'abbinamento non fosse giusto...
Può' darsi che il vino fosse buono, ma non fosse nelle nostre corde...
Insomma, questa piccola bocciatura per questo vitigno autoctono va rilevata, ma non enfatizzata.
Speriamo, nel proseguio delle nostre scorribande di riassaggiarlo e di ritornare sul nostro giudizio.
Per cambiarlo o per confermarlo.



Marco.

11 commenti:

  1. emanuela (Jesi)9 ottobre 2008 08:27

    Confermo!

    RispondiElimina
  2. Bocciare una bottiglia (ossia un prodotto di una casa) va bene. Bocciare un vitigno sulla sola base di due prodotti (peraltro non di punta) mi sembra abbastanza avventato.

    Io ho provato due volte in due occasioni diverse l'Urban, prodotto di punta di Tramin e devo dire che è un gran bel prodotto e con ottimo rapporto qualità/prezzo (in azienda l'abbiamo pagato 18 euro).

    Stefano

    RispondiElimina
  3. Può' darsi che fossimo fuori forma...
    Può' darsi che l'abbinamento non fosse giusto...
    Può' darsi che il vino fosse buono, ma non fosse nelle nostre corde...



    Puo' darsi che il vino sia cattivo...
    Anche a me questo vitigno non piace, non è proprio all'altezza di molti altri che avete trattato sul blog.
    Poi..."De gustibus"...però complimenti anche a chi dice le cose con schiettezza e sincerità.
    Bravo Marco.
    Quando rivedrò qualche barolo recensito ?


    Zio Luciano.

    RispondiElimina
  4. Per stefano:
    è prassi cominciare a bere vitigni che non si conoscono dai prodotti base.
    Non mi risulta che hai\abbiamo cominciato a bere toscana dal Tignanello o dall'Ornellaia.

    Quei due prodotti base NON SI POTEVANO BERE, fidati.
    Ma ti prometto che tornerò ad assaggiarne altri(sempre base) al piu' presto.
    Piuttosto, ne hai qualcuno da consigliare ?

    Marco.

    RispondiElimina
  5. Quello buono, almeno per me, te l'ho già consigliato (Urban).

    Ovviamente tu devi sproporzionare tutto come al solito. Ornellaia - Toscana e Lagrein Base - Lagrein fascia media, ti sembra lo stesso paragone?

    Comunque mi fa piacere che ci hai ripensato, visto che io ho semplicemente detto che giudicare un prodotto va bene, un intero vitigno da un prodotto mi sembra, quantomeno, azzardato. Tutto qua. Poi magari non ti piace lo stesso, ma aspetta di averne assaggiato qualcun altro per dirlo. No? Visto che mi dici che "quei due prodotti base..." allora deduco che ti limiti ai prodotti e non al vitigno.

    Per Zio Luciano. E' sempre un piacere trovarti qui. Però devi dirti che se il tuo benchmark è il barolo, allora ne troverai parecchi di vinelli non all'altezza recensiti qua sopra, direi anche peggio del lagrein.

    RispondiElimina
  6. Però è piuttosto chiaro dall'articolo che io giudico il vitigno in base ai due primi assaggi...ma tu sei stressato 'sti giorni !

    E comunque, fatta salva la tua buona fede, 18 euro per una fascia media non è pochissimo, o sbaglio ?


    Marco.

    RispondiElimina
  7. L'Urban è fascia alta, chiedo venia per l'errore.

    Quanto al resto è chiaro che giudichi i vitigni in base ai primi due assaggi ed è proprio questo l'errore e il senso del mio intervento. Grazie per l'ulteriore conferma.

    Come al solito, oltre a sproporzionare tutto, quando uno non è d'accordo con te è perchè non capisce, è stressato, bla bla bla....

    Te brucia u peperone, eh?

    Stefano

    RispondiElimina
  8. Il mio bench...che ?
    Caspita che paroloni, pensavo fosse un blog di appassionati...

    Comunque, al momento, peggio del Lagrein mi sfugge.

    Saluti.

    Zio Luciano.

    RispondiElimina
  9. Ho fatto colpo con benchmark, eh? Probabilmente avrai già visto su internet, comunque vuol semplicemente dire "riferimento". E' un termine mutuato dal gergo finanziario.

    Certo che pure "caspita" non lo leggevo dai tempi di topolino... :)

    Un saluto a te.

    Stefano

    RispondiElimina
  10. ...a me comunque dopo tutto questo disquisire...m'è venuta voia de barolo-)))))

    RispondiElimina
  11. Eh bravo Andrea...spazio ai vini veri e abbasso 'sti vinelli !

    Quando vuoi stappiamo...

    Marco.

    p.s.per stefano:se l'urban è fascia alta non ho "sproporzionato come al solito", ed il paragone "cominciare gli assaggi toscani dall'Ornellaia" era azzeccato...o no ?

    RispondiElimina