mercoledì 19 novembre 2008

Ryanair e l'ipocrisia...


Prima Rossi e poi Bossi (che fa anche rima) ma nessuno sembra abbozzarsi le campagne di comunicazione della Ryan Air. Il fatto è, come al solito, che noi possiamo dire tutto quello che ci pare su di noi stessi, ma se lo dice qualcun altro scatta l'orgoglio nazionalista e W l'Italia!
Ora vengo e mi spiego.



E' vero che io da Bossi non mi aspetto niente di diverso da quello che ho visto fargli. E' vero pure che quando si siedono a tavolino e ragionano hanno le loro ragioni. Però il dito alla bandiera... E' stato ripreso da tutti bipartisanamente, però se te lo dice la Ryanair vuoi le scuse.
Ma perchè?
Lo trovo, francamente, molto ipocrita.
Penso che invece queste cose servano a riflettere. Una volta sentii un'intervista ad Adriano Celentano in cui gli chiedevano se gli dava fastidio che molti lo imitassero. E lui tranquillamente rispose di no e che anzi, gli serviva a capire quali difetti di gestualità e frasario doveva correggere o comunque erano macroscopici.
Certo, non fa piacere venire presi per il c.... su scala mondiale, però bisognerebbe pensarci prima di fare certe stupidaggini.

Stefano.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento