sabato 17 gennaio 2009

La solitudine dei numeri primi, di Paolo Giordano.



Questo libro me l'ha regalato mia sorella per spezzare la catena delle rece di Camilleri sul blog. Di questo la ringrazio.
Il libro però non mi è piaciuto granchè perchè è molto triste e la trama non mi entusiasma.
Comunque concordo con mia sorella che mi fa bene leggere qualcos'altro.
E' la storia di Mattia ed Alice due ragazzi che hanno grossi problemi da piccoli che si portano dietro nel corso delle loro vite. Mattia è un fissato con la matematica mentre Alice un'anoressica.
La scrittura scorre bene, e il libro si legge velocemente.
C'è una cosa che mi piaceva in particolare quando leggevo: la fissazione di Mattia per la matematica lo portava a ricondurre a questa o alla geometria qualsiasi cosa gli accadesse, anche cose insignificanti, tipo tagliare la carne ad esagoni regolari.

Lo scrittore è un dottorando di fisica del Politecnico di Torino.
Il romanzo ha ricevuto comunque due riconoscimenti di valore: il premio strega e il premio campiello per l'opera d'esordio.
Per chi fosse interessato:
Paolo Giordano
La solitudine dei numeri primi
Mondadori
€ 10 (mi pare perchè è un regalo)

Stefano.

7 commenti:

  1. emanuela (jesi)17 gennaio 2009 10:44

    Anche io l'ho letto e anche a me non è piaciuto particolarmente.
    Inoltre questa cosa dei numeri primi stava in uno dei miei film preferiti anche se trattato con tutt'altro spirito, ma durante la lettura non ho fatto che ripetermi "sta cosa l'ho già sentita, sta cosa l'ho già vissuta!".
    C'è da dire che il ragazzo è giovanissimo e quindi promettente, penso che il suo prossimo libro lo leggerò così vediamo se è "cresciuto"

    ciao ciao
    Manu

    RispondiElimina
  2. bene bene..la prossima volta malloppone introspettivissimo!!!...scherzo..
    a me non e' dispiaciuto, ma non tutti hanno lo stesso gusto!...
    certo che si sono invertiti i ruoli tu scrivi di libri camilleri-free e io sto qui che ti rispondo mentre uno sta cucinando il mont blanc...
    misteri del 2009:D
    colette
    p.s. scrivo dal mackbook!!!

    RispondiElimina
  3. Azz... dal macbook!!! Come te lo invidio.
    Comunque, volevo ribadire che se scrivesse un pochino più allegro i "numeri" per fare romanzi ce li ha tutti! E' come dici tu: questione di gusti!

    Per Manu: anzitutto ben tornata tra noi. Qual'è il film di cui parli? A Beautiful mind?

    RispondiElimina
  4. Libro deludente e sopravvalutato. Non si comprende perché abbia riscosso un così grande successo ed avuto lusinghieri giudizi. Ho trovato la trama scontata, poco originale ed ancor meno avvincente. Il premio Strega andrebbe assegnato all’editore e all’ufficio marketing per il tam-tam mediatico creato e per il titolo sicuramente accattivante e originale. Rettifico il prezzo che è di € 18,00

    RispondiElimina
  5. emanuela (jesi)21 gennaio 2009 10:44

    No. Il film è "The mirror has two faces" conosciuto anche come "L'amore ha due facce" di e con Barbra Streisand e Jeff Bridges.

    RispondiElimina
  6. Non l'ho visto. Dovrò provvedere.

    Grande Igor che, come è giusto che sia in tempi di crisi, fa notare il prezzo giusto!

    Stefano

    RispondiElimina
  7. Ste' devi rivalutare il regalo fatto da tua sorella.
    Quesito: quanti di noi comprano un libro in base al prezzo?

    RispondiElimina