lunedì 15 dicembre 2008

Prosecco = spumante italiano?



Andando in giro mi accorgo sempre più che il prosecco sta diventando per antonomasia sinonimo di spumante italiano.
L'antonomàsia, secondo wikipedia, è la figura retorica che si ha quando ad un nome si sostituisce una denominazione che lo caratterizza. Celebre è il caso della Perpetua, che da personaggio dei promessi sposi è diventata l'assistente del parroco di paese.
Nella produzione di beni di consumo, questa situazione si è diffusa a metà del secolo scorso quando è cominciata la produzione di massa: casi celebri sono lo scotch, che è in realtà il nome della più celebre azienda produttrice di quello che dovrebbe essere identificato come "nastro adesivo, e i "Kleenex", utilizzati per indentificare i fazzoletti di carta.
Chiaramente quando si arriva a questo livello di identificazione è uno straordinario risultato per il produttore ma lo è meno per i concorrenti e per i consumatori appassionati.

Dopo questo dotto excursus, volevo far vedere che conosco un paio di figure retoriche, ritorno al problema sopra enunciato. Perchè problema? Ora vengo e mi spiego.
Il problema è che sotanzialmente nell'immaginario collettivo le parole spumante e prosecco sono equivalenti. Poco prima dell'estate mi è capitato si sedermi in un locale per un aperitivo. Siccome all'ingresso facevano bella mostra di se delle bottiglie di champagne, ho avuto l'ardire di chiedere se avevano spumante anche al bicchiere.
Risposta del cameriere: "Prosecco!".
E io: "no, a parte il prosecco".
E lui, dopo qualche secondo con la faccia interrogativa: "Ma perchè, ti piacciono gli spumanti italiani?".
La prima cosa che volevo fare era chiedere se sapeva con che uve è fatto il prosecco (solo per coglierlo in castagna...), ma poi ho soprasseduto e mi sono limitato a dire: "si, comunque lasciamo perdere".
Ho raccolto un po' le idee e ho pensato che lo spumante italiano si sta sempre più identificando con il prosecco, cosa che ritengo non solo ingiusta ma anche sconveniente.
Intendiamoci, il prosecco se ben fatto è un discreto spumante, specie se è di Cartizze, e sono contento del successo che ha anche sui mercati internazionali, ma lo spumante metodo classico italiano è tutt'altro mondo.
E' vero che i gusti sono gusti, ma penso che sia difficile smentire quest'affermazione.
Diciamo che se la gente comune non può essere obbligata a conoscere la differenza, penso che chi lo somministra lo debba invece sapere. Specie se fa lo sborone con lo champagne in vetrina.

Insomma, quel che mi fa pensare non è che si dica "andiamo a farci un prosecchino" senza sapere di che si tratta, ma che siano quasi sconosciuti gli spumanti metodo classico italiani a maggior ragione quando si parla dell'estero.
E che un addetto ai lavori mi faccia delle domande del genere.


Stefano.

4 commenti:

  1. emanuela (Jesi)15 dicembre 2008 10:15

    Come sempre concordo con Stefano.
    A me è capitato tante volte che in enoteca regionale mi chiedessero un "prosecco" e lì scattava la contro domanda "per prosecco intende uno spumante qualsiasi oppure lo spumante fatto con le uve prosecco?" e alla risposta "il prosecco è lo spumante" (9 volte su 10) scattava la spiegazione.
    Quando, come Stefano mi sono trovata dall'altra parte...visto che sono più cattivella...scattava la spiegazione (con conseguente figuraccia al cameriere/addetto se continuava nel portare avanti le sue SBAGLIATE convinzioni) e molto spesso la mortificazione.... ;) ...scusate, ma almeno far valere i miei studi!!

    RispondiElimina
  2. Non so perchè, ma anche quando non ero appassionato di vino, per me il prosecco era il prosecco e lo spumante era lo spumante.
    Forse a torto, forse no...l'ho sempre considerato un fratello minore dello spumante.
    Bah...


    Marco.

    RispondiElimina
  3. confermo sicuramente, come quando per l'appunto chiedi un prosecco e ti servono un brut qualsiasi!

    Paky

    RispondiElimina
  4. Su http://www.gancia.it ci stiamo sforzando di espandere delle sezioni culturali sull'origine anche etimiologica degli spumanti italiani con particolare riferimento a testimonianze scritte e video.

    RispondiElimina