lunedì 9 gennaio 2012

Buon compleanno Lazio !


Se 112 vi sembran pochi...

< Oh Forza Lazio,
non mollare, facci un goal !
E quando dalla Curva questo coro sentirai,
vola Lazio vola non ti lasceremo mai !>

Un pensiero copia-incollato da facebook per un'amica, un'amante, una passione che è sempre vicino a me.

Io 1900,
tu 1927.
Io per passione,
tu per fusione.
Io a Roma dalle parti de Ottaviano,
tu a Corropoli lontano, lontano.
Io con l'Aquila imperiale simbolo de trionfo,conquiste e potenza,
tu co' 'na lupa d'etrusca provenienza.
Io da Signori a Giordano il mio campione l'ho sempre rispettato,
tu per uno scudetto da noi conquistato a Giannini hai infangato.
Io con Nesta
alzo la Supercoppa e faccio partì la mia festa,
tu col rigore de Graziani
vedi tutti i tuoi sogni lontani lontani.
Io in Piazza della Libertà,
tu de preciso ancora n'se sa.
Io con tricolore e coccarda sul petto,
tu a rosicà fino all'esaurimento.
Io con Klose campione garbato,
tu con Osvaldo presuntuoso e montato.
Io con 70.000 cuori anche in B,
tu come perdi rischì de sparì.
Io il centenario con primato, bandiere e gran festa,
tu manco sai se c'arrivi e quanto tempo te resta.
Io per volontà ed ideale d'un giovane romano di Piazza Navona,
tu da un abruzzese mosso dal'ordine de creavve n'icona.
Io co Di Canio du' volte in faccia a te,
tu con Totti che alla vista di un petardo reagì come un bebè.
Io penso a De Falchi col commosso ricordo ed il sincero rispetto,
tu festeggi ed intoni per un razzo omicida divenuto maledetto.
Io co' quattro vittorie in meno de quattro mesi,
tu purgato du' volte dal bomber de Jesi.
Io con coreografie che hanno fatto il giro del mondo,
tu con il telone che non riesce ad arrivà in fondo.
Io senza bisogno di mentire,
tu se non parli de finti burini non sai che dire.
Io anche in B con la Lazio nel cuore,
tu a invidià la mia passione che mai muore!
Io il Primo della Capitale,
tu la rosicata e la coscienza de non potè mai capì quanto questo vale!



Marco.

2 commenti:

  1. Auguri gente Laziale !

    RispondiElimina
  2. Vojo scrive sta poesia perché me viè dar core:
    per me er bianco e er celeste sò ‘n solo colore.
    Sai, sò 112 anni, Lazio bella…
    112 anni che brilla questa stella.
    Quer 9 Gennaio, in Piazza della Libertà,
    Bigiarelli e l’artri se so chiesti: “ma la Roma, dove sta?”
    E’ nata 27 anni dopo, bersajè, co ‘na fusione oscena,
    tra ‘n mucchio de squadrette che faceveno ‘n po’ pena.
    A Romanì, ma ‘n fonno, come pretendi d’esse capitale,
    se fino ar 27 brancolavi ner buio più totale?
    Er carcio a Roma è Lazio, dar 1900
    e giallozzozzo scusame se poi nun m’accontento
    de ribaditte in faccia che io so quanno sò nato
    e che un abruzzese a me nun m’ha fonnato.
    Nossignor, io nasco da Luigi Bigiarelli
    che un ber giorno, co l’artri suoi fratelli
    se mise ar tavolino e disse: “Qui farem la storia,
    prenderemo i colori della Grecia, e presto avremo gloria!”
    Ed ecco che nacque un grande e immenso amore
    che all’artre squadre tuttor provoca timore.
    Lo sai che ‘r primo derby fu Lazio 3 e Virtus ZERO?
    Ner 1904, ebbene sì, vincevo e c’ero.
    Er nostro goleador era Ancherani Sante,
    che la squadra prese in spalla e de battaje ne vinse tante.
    Ma poi quarcuno ce copio e co ‘no squallido incrocio,
    nacque l’A.S. Roma, fondata da quer gran frocio
    de Italo Foschi che a Corropoli città
    nun lo stamo manco a dì, creò n’oscenità.
    E se semo ancora noi, dovemo ringrazia er generale Vaccaro
    perché è merito suo se alla fusione caa Riomma nun se diede er varo!
    La nobirtà de Roma rimase dunque intatta
    e la gente laziale rimase tanto soddisfatta.
    In questi 112 anni tante cose sò accadute,
    alcune sì cercate, ma artre non volute.
    Parto a elencà co uno dei momenti più belli:
    ch’è lo scudetto de Chinaglia e de Maestrelli
    vinto all’Olimpico co’ ‘n carcio de rigore
    segnato in uno stadio pieno d’ansia e de sudore.
    Sai, lì l’Italia ce guardò tutta dar basso all’arto…
    “che gioia, che emozione, fra n po’ me pija n’infarto!”
    Oltre a loro, un pensiero va a Fiorini,
    che ce sarvò, evitandoce i casini.
    Stavamo pe fallì ma co’ quella zampata
    Giulianone ce sarvò e poi la storia è continuata.
    Pe vince quarcos’artro avemo dovuto aspettà Cragnotti,
    ma quella Lazio lì, amico mio, faceva popo i botti!
    Coppe Italia, Supercoppe e via parlando,
    nel 2000 avemo celebrato ‘r Centenario festeggiando
    cor secondo scudetto, vinto all’urtima partita
    dopo ‘na lunga attesa che ormai pareva ‘nfinita.
    Ma ecchice qua ner 2012 e dopo questi fasti,
    sbajamo a pensà che solo i ricordi so rimasti:
    noi semo la Lazio, qua tu nun te pòi sbajà
    e ricordete che l’Europa l’avemo portata noi qua.
    S.S. Lazio, er futuro c’appartiene,
    ora e comunque, per sempre a tifare insieme.

    RispondiElimina